Omakase, cos'è? Scopriamo il significato di questo termine

Omakase, cos’è?

Pubblicato il 6 Agosto 2020

Quando ci si reca al ristorante e si utilizza il termine “omakase” vuol dire che si lascia allo chef la libertà di preparare per noi quello che vuole lui. Una scelta di grande fiducia, dunque, per chi non sa quali piatti selezionare dal menù

Omakase, cos’è? La cucina giapponese è tradizionalmente molto ricca e non sempre è facile scegliere cosa ordinare quando si va al ristorante. Dalle zuppe al tradizionale sushi, passando per piatti più elaborati e dal gusto particolare: la lista di opzioni tra cui scegliere è sempre davvero lunghissima. E allora, ecco la parola magica che molti utilizzano: “omakase“, ovvero si lascia allo chef carta bianca sulla scelta delle pietanze da far servire in tavola.

Omakase, cos’è?

Ma niente, quando si parla di omakase è lasciato al caso. Perché lo chef, nel preparare il nostro speciale menù, individuerà per noi anche un preciso percorso degustativo da seguire per assaporare al meglio tutte le pietanze. L’omakase infatti è un vero e proprio piatto di degustazione in cui troveremo un tripudio di sapori e colori differenti. Una vera e propria esperienza sensoriale, resa possibile dall’esperienza che lo chef metterà al nostro servizio.

Sarà proprio lui, infatti a decidere per noi il percorso culinario da seguire che, solitamente, segue regole ben precise che sono le stesse ogni volta. Si parte con sushi dai gusti più delicati preparati con pesci come la platessa oppure la seppia, tonno rosso, calamari e vongole. E poi, una volta assoporate le pietanze dal sapore meno forte, si passa ai sapori più intensi rappresentati da quelle pietanze a base di pesci più grassi: salmone e anguilla, per esempio. La parte finale del cosiddetto percorso culinario è solitamente riservata a degustazioni di altro tipo, per esempio al sashimi. Niente insomma è lasciato al caso e, chi ordinerà un piatto omakase avrà semplicemente la possibilità di assaggiare più pietanze del menù secondo un rigoroso ordine scelto dallo chef.

Una scelta frequente all’estero

La possibilità di optare per l’omakase è in realtà molto più frequente all’estero che in Giappone. Si pensa che sia perché nel paese del Sol Levante le persone abbiano i gusti ben chiari in materia di alimentazione e, anche al ristorante, vadano dritto sui piatti che maggiomente incontrano i loro gusti. Negli Stati Uniti e nel resto del mondo, invece, non è così. E capita spesso che i frequentatori dei ristoranti giapponesi, indecisi su cosa mangiare una volta davanti al menù, si affidino completamente allo chef, certi di fare la scelta più giusta facendosi guidare da una persona esperta.

L’omasake può dunque rappresentare un’ottima alternativa per avere un assaggio dei piatti migliori del ristorante, anche se c’è da dire che molto spesso gli chef si divertono a sorprendere i clienti con abbinamenti insoliti e creativi che però hanno sempre un loro perché. E dunque, se non avete particolare esigenze dettate dal fatto che magari non vi piace un certo tipo di alimento, la scelta di optare per l’omakase si rivela generalmente azzeccata. Lasciatevi guidare nel vasto mondo delle pietanze giapponesi e, di certo, non ne rimarrete delusi.

 

 

Indirizzo di consegna

Abbiamo bisogno di conoscere il tuo indirizzo per verificare che sia coperto dalle nostre consegne. Inseriscilo qui sotto!

Carrello

Il tuo carrello è vuoto.

Ordine minimo: 40€

CONCLUDI ORDINE